Prima di chiarire l’argomento Bethesda esclusiva Xbox, ricapitoliamo la situazione. Escludendo le grosse storiche unificazioni, come Square e Enix o Blizzard e Activision, comunque considerate ‘fusioni’, l’acquisto di ZeniMax Media da parte di Microsoft è stata la più grossa acquisizione della storia del Gaming.

In molti si chiedevano come mai, prima dell’acquisizione di Bethesda e di altri studi, Microsoft pur avendo una potenza finanziaria rilevante non riusciva a tenera testa alla qualità e per un certo periodo anche alla quantità di giochi tripla-A che Sony era in grado di produrre e proporci attraverso i loro team interni.

Quindi negli ultimi anni, dopo il periodo non proprio positivo di fine Xbox 360 e inizio Xbox One, ossia da quando Phil Spencer è al comando della sezione Xbox, c’è stata una grande attenzione nel rimpinguare le risorse videoludiche interne di Microsoft. Concludendosi con questa grande acquisizione, che fra l’altro potrebbe anche non essere l’ultima.

Qualche giorno fa si è tenuto il primo ‘RoundTable’: Bethesda e Microsoft hanno parlato apertamente riguardo lo sviluppo di questa acquisizione. Il tutto è avvenuto nel salottino di Bethesda, dove i protagonisti hanno parlato a ruota libera, ma con un senso di unione e di condivisione di risorse fra software house.

Hanno sottolineato la collaborazione e la condivisione di informazioni e know-how dei vari team di sviluppo per cercare di integrarsi e lavorare al meglio. Questa potrebbe davvero essere la chiave di questo evento. Immaginiamoci per esempio un futuro Halo costruito su di un motore grafico di iD Software, oppure Obsidian (Fallout New Vegas) di nuovo al lavoro nei mondi di Fallout, o di uno spin off della serie Elder Scroll. Le potenzialità potrebbero essere davvero notevoli e siamo solo all’inizio.

Bethesda esclusiva Xbox?

Phil Spencer ha anche parlato del futuro del Game Pass. Chiariamo anche l’argomento Bethesda esclusiva Xbox.

Ha iniziato con il dire che ogni accordo precedente verrà mantenuto e i giochi che erano presenti su altre piattaforme che hanno grosse community continueranno ad esserci. Non specificando però quali giochi.

Dopodiché ha continuato: “Se sei un cliente Xbox, si tratta di offrirti fantastici giochi esclusivi, sulle piattaforme in cui esiste il Game Pass e questo è il nostro obiettivo. Ecco perché lo stiamo facendo. Questa è la natura della partnership che stiamo costruendo e la capacità creativa che saremo in grado di portare per gli utenti Xbox sarà la migliore di sempre quando avremo finito”

Bethesda esclusiva Xbox

L’obiettivo principale è creare fantastici giochi in esclusiva per clienti Xbox. Però non è escluso che in futuro altri giochi potrebbero approdare su altre piattaforme.

Purtroppo le affermazioni sono state molto generiche, e probabilmente per alcuni grossi titoli stanno ancora valutando se farli diventare un’esclusiva o multipiattaforma.

Quello che è sicuro è che il Game Pass sarà disponibile anche per altre piattaforme, non ultima la notizia che le televisioni di LG ospiteranno un’applicazione per lo streaming dei giochi di XCloud, il servizio di gioco in streaming incluso nel Game Pass Ultimate di Microsoft.

Intanto 20 Videogiochi Bethesda sono approdati sul Game Pass, anche sull’Xbox Game Pass per PC.

C’è comunque bisogno di tempo per poter vedere i primi grossi frutti di questa colossale acquisizione. Non ci resta che attendere, e vedere cosa ci riserberà il futuro videoludico. L’orizzonte è davvero pieno di grandi aspettative.

Un pensiero su “Bethesda esclusiva Xbox? il futuro secondo Phil Spencer”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *