Fra gli ultimi dibattiti nel campo videoludico sicuramente quello che fa più discutere riguarda la grafica dell’ultimo videogioco della saga Pokémon, Leggende Pokémon: Arceus. In molti lamentano infatti un reparto tecnico grafico non all’altezza della tecnologia di questo periodo.

Leggende Pokémon: Arceus
Pokémon Arceus

I videogiochi Nintendo non sono famosi per avere le ultime tecnologie, per quanto riguarda il comparto grafico, a causa soprattutto della scelta della casa di Kyoto di voler puntare ad una console, in questo caso la Switch, più longeva possibile a ‘discapito’ delle ultime tecnologie hardware.

Bisogna sottolineare anche il fatto che Nintendo non è mai stata così in forma come in questo periodo, e la minor ‘potenza hardware’ non ha mai ostacolato i suoi videogiochi di essere fra i primi posti, nelle classifiche di vendita, e ad avere un livello artistico al di sopra della media. Con un gusto grafico che l’ha sempre portata ad avere valutazioni sia di critica e di pubblico a livelli molto alti. Ricordiamo The Legend of Zelda: Breath of the Wild, fra i giochi con la votazione più alta nella storia videoludica.

Leggende Pokémon: Arceus, la grafica non è importante?
The Legend of Zelda: Breath of the Wild

È il caso anche di Leggende Pokémon: Arceus?

Purtroppo quest’ultimo capitolo Pokémon risente la pesantezza di una grafica abbastanza retrograda. Probabilmente è stata una scelta stilistica, non tanto vincolata alle risorse hardware. Ricordiamo infatti videogiochi come il già citato Zelda oppure Monster Hunter Rise, che hanno dimostrato di fare una gran “bella figura” nel panorama videoludico generale.

Leggende Pokémon: Arceus
Monster Hunter Rise

Pokémon è una saga che esiste nel mondo videoludico ormai da diversi anni e conta molteplici capitoli nella storia Nintendo. Il gameplay generale del titolo in questione, non viene snaturato. Ed è sicuramente un videogioco più che appassionante anche per i fan più critici della saga.

La scelta però di usare un motore grafico 3D per rappresentare gli ultimi titoli di questa saga, non è un aspetto da sottovalutare, con le conseguenze, positive e negative, del caso. Ricordiamo che quando Mario entrò nel mondo 3D, fu una vera rivoluzione. Non solo per aver davvero portato la terza dimensione nel mondo platform, ma soprattutto per come venne sviluppata.

Super Mario 64
Più di 25 anni di Super Mario 64

Non ci si aspetta sempre la rivoluzione, ma sicuramente un comparto tecnico 3D più curato avrebbe fatto storcere meno nasi. Il gameplay è fondamentale, ma la grafica, almeno nei videogiochi tripla A di un certo livello, dovrebbe ricoprire ancora una certa importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.