Di certo non possiamo negarlo: questo è il periodo di Elder Ring. Il tanto atteso Videogioco (la lettera maiuscola non è un caso) partorito dalla mente di Hidetaka Miyazaki, il creatore della saga di Dark Souls. Una saga, quella dei ‘Souls’, che ha attirato esponenzialmente l’interesse di tantissimi ammiratori, anticipata nel lontano 2009 dal capostipite Demon’s Souls. Ricordiamo anche che il suo apprezzato remake è stato uno dei giochi in ‘esclusiva’ all’uscita di PlayStation 5.

Elder Ring è stato davvero tanto atteso, ricordo il primo ‘teaser’ ufficiale nel 2019. In parole povere fonde sapientemente le peculiarità dei ‘Souls’ in un mondo aperto ‘open world’. Alcuni guardavano il progetto con molto sospetto, altri ( la maggior parte ) con sognante speranza.

Elder Ring

From Software ha mantenuto le promesse?

Dopo svariate ore di gameplay posso tranquillamente affermare che Elden Ring ha ampiamente mantenuto le promesse. Ebbene sì, al di là della grafica sicuramente minore di Demon’s Souls per PS5, ma sicuramente di grandissimo effetto artistico.

Al di là dei problemi di ‘stuttering’ (che secondo il sottoscritto sono davvero poca cosa in confronto ad altri prodotti davvero ingiocabili) il prodotto finale è davvero ben riuscito, e amalgama in modo pressoché perfetto l’anima dei ‘Souls’ all’ambientazione open world più ‘mainstream’ se vogliamo. Riuscirete sicuramente a capire meglio questo concetto se giocherete ad Elden Ring per un po’ di tempo.

Elder Ring

Lo spirito ‘Souls’

I boss e i ‘dungeon’, come dicevo, hanno mantenuto uno spirito ‘Souls’ e se non siete interessanti al genere probabilmente non vi piacerà neanche Elden Ring. I momenti di ‘frustrazione’ per alcuni boss rimangono e fanno parte dell’esperienza. In certi momenti il livello di sfida è davvero alto. Ma ho trovato comunque la gestione generale molto diversa dai classici Souls. L’esplorazione a cavallo permette di raggiungere diverse zone molto facilmente e di ‘fuggire’ altrettanto facilmente, se acquisirete un minimo di dimestichezza.

Elder Ring

I paesaggi che vi troverete davanti saranno davvero epici e probabilmente mai visti in opere di questo genere. Ogni fotogramma di Elden Ring è un dipinto su tela, un’opera artistica che difficilmente riuscirete a farne a meno, una volta entrati nell’interregno. Un mondo aperto devastante, di un epicità senza limiti. Anche solo per lo spirito di esplorazione, ogni videogiocatore prima o poi dovrebbe farci sicuramente un salto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.